closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Proiezioni della Rivoluzione francese negli esempi degli antichi

Saggi storici. Francesco Benigno e Daniele Di Bartolomeo, «Napoleone deve morire», Salerno

Jacques-Louis David, «Napoleone che valica le Alpi», 1801

Jacques-Louis David, «Napoleone che valica le Alpi», 1801

Quanto il mito di Roma, della classicità greca, delle rivoluzioni seicentesche e, più in generale, del passato abbia influenzato i rivoluzionari è stato a lungo discusso da generazioni di studiosi, ciascuna delle quali ha ricostruito l’esperienza rivoluzionaria proiettandola sulle esigenze e conflittualità del proprio tempo. Meno affrontato dalla storiografia, invece, è il condizionamento «in tempo reale» delle scelte dei protagonisti, in una proiezione verso il futuro. A colmare la lacuna, il saggio di Francesco Benigno e Daniele Di Bartolomeo, Napoleone deve morire L’idea di ripetizione storica nella Rivoluzione francese (Salerno editore, pp. 194, € 19,00): per paradossale che possa apparire,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi