closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Processo per corruzione, si complica la posizione di Netanyahu

Israele. Nuova udienza ieri al Tribunale di Gerusalemme. Il premier respinge le accuse ma le prime testimonianze avvalorano le accuse della pm Liat Ben Ari

In una dichiarazione trasmessa in tv Benyamin Netanyahu ha risposto alle accuse di corruzione, frode e abuso di potere che ieri è tornato ad affrontare davanti ai giudici del tribunale di Gerusalemme. Commentando la presentazione delle prove dell'accusa, il premier ha parlato di «tentativo di golpe», di «caccia alle streghe», di «piano per compromettere» il voto del 23 marzo vinto dal Likud, il suo partito. E ha puntato il dito contro la pm, Liat Ben Ari, che in apertura di udienza lo aveva accusato di «aver abusato del potere per interesse personale» aggiungendo di essere in possesso di «prove circostanziate»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.