closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Processo Cucchi, il Pg: «Condannare gli agenti»

Giustizia . La richiesta dell’accusa alla Corte d’Assise d’Appello di Roma: «Tutti colpevoli». Per il procuratore generale Remus, fu aggredito dopo la convalida dell’arresto

La foto di Stefano Cucchi mostrata durante il processo

La foto di Stefano Cucchi mostrata durante il processo

«Tutti colpevoli, compresi poliziotti penitenziari e infermieri». Quasi un colpo di scena, la richiesta del procuratore generale Mario Remus alla I Corte d’Assise d’Appello di Roma che ieri ha riaperto il processo per la morte di Stefano Cucchi. Un ribaltamento della sentenza di primo grado che il 5 giugno scorso ha condannato per omicidio colposo solo cinque medici dell’ospedale Pertini – dove il giovane tossicodipendente romano morì nell’ottobre 2009, sei giorni dopo essere stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Regina Coeli – prosciogliendo invece tutti gli altri imputati. Perché, come motivò la III Corte d’Assise di Roma, Stefano Cucchi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.