closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Primi indagati per il Cara di Manfredonia

Corruzione, truffa e falso. Sono le ipotesi di reato a carico dei primi indagati nell’inchiesta avviata alcuni mesi fa dalla procura di Foggia sulla gestione del Cara (Centro accoglienza richiedenti asilo) di Borgo Mezzanone, a Manfredonia. L’indagine, coordinata dal procuratore Leonardo Leone De Castris con i sostituti Dominga Petrilli e Francesco Diliso, è partita da una segnalazione della polizia impegnata nel contrasto del caporalato. Gli agenti avevano constatato che molti braccianti arrivavano proprio dal Cara, struttura in cui vivono oltre mille migranti. Dalle ricerche sulla sua gestione erano emersi molti elementi che avevano attirato l’attenzione degli inquirenti. Pochi giorni fa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.