closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Prima della violenza

In una parola. La rubrica settimanale di Alberto Leiss

Non mi piacciono le frasi volgari di Donald Trump rivolte alle donne, ma nemmeno quelle di Robert De Niro, che gli da del «maiale» e dice che gli riempirebbe volentieri la faccia di pugni. Si potrebbe pensare che certe espressioni rudi, da macho, fanno parte di un certo costume made in USA, di cui Hollywood ha dato spesso rappresentazioni memorabili. E che la sincerità triviale di chi sta sulla scena pubblica, persino se si candida alla Presidenza degli Stati Uniti, sia in fondo preferibile a certe affettazioni del «politicamente corretto». Ma l’importanza che sta conoscendo il problema del linguaggio sul...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi