closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Prigionieri a vita, così al-Sisi fa sparire oppositori e attivisti

Egitto. La custodia cautelare a tempo indeterminato è ormai la norma, una forma di tortura denunciata dalle associazioni locali. Dal 2013 oltre 10.400 i detenuti per proteste: venerdì 22 arrestati, manifestavano per il rincaro del 350% del costo della metro. Per i lavoratori un quarto del salario

Il fotoreporter Shawkan, in custodia cautelare dal 2013

Il fotoreporter Shawkan, in custodia cautelare dal 2013

Sono almeno 22 le persone fermate dalla polizia nella giornata di venerdì al Cairo per le proteste contro l’aumento improvviso del costo dei biglietti della metropolitana. Alcuni disordini sono scoppiati spontaneamente in diverse stazioni metro della capitale egiziana in seguito all’annuncio di un incremento del 350% del prezzo dei biglietti. Molti pendolari hanno iniziato a scavalcare i tornelli e a urlare slogan contro i rincari, in alcuni casi bloccando i binari e scatenando la reazione della polizia. Il regime, recitando il solito copione, accusa i Fratelli Musulmani di aver istigato le proteste, in realtà segnale di un diffuso malessere sociale....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi