closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Presunzione di innocenza, tre mesi al governo

Giustizia. Con un compromesso passa il recepimento della direttiva Ue del 2016 che impone garanzie rafforzate. Ma ora tocca ai decreti delegati che dovranno passare per le commissioni e la maggioranza è ancora divisa

La camera dei deputati

La camera dei deputati

Quasi all’unanimità, la camera dei deputati ha approvato ieri il recepimento di una direttiva europea, vecchia di cinque anni, che prescrive agli stati membri di rafforzare la presunzione di innocenza. La legge di delegazione europea, così modificata, dovrà tornare al senato dove potrebbe essere licenziata già la prossima settimana. Il voto di ieri è il risultato di una mediazione condotta dalla ministra Cartabia tra chi chiedeva di accompagnare l’adozione della direttiva europea con indicazioni stringenti circa la non pubblicabilità delle intercettazioni o il divieto ai procuratori di battezzare le inchieste con nomi che alludono alla colpevolezza degli indagati (Iv, Fi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi