closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Preso il sospetto terrorista, denunciato dall’amico siriano

Germania. Finisce l’incubo per Chemnitz, Merkel ringrazia, per l’«indispensabile collaborazione», la rete islamica della Sassonia

La foto segnaletica del sospetto terrorista

La foto segnaletica del sospetto terrorista

È durata 48 ore e 70 chilometri la fuga di Jaber Albakr, 22enne di Damasco sospettato di preparare un attentato terroristico in un aeroporto tedesco. Ad «arrestarlo» domenica a Lipsia è stato un altro siriano: l’«amico» a cui aveva chiesto aiuto. Da qui il «danke alla comunità siriano-tedesca» della cancelliera Angela Merkel, più che riconoscente per l’«indispensabile collaborazione» della rete islamica della Sassonia. Finisce così l’incubo per Chemnitz, città di 243 mila abitanti al confine con la Repubblica ceca dove sabato pomeriggio era stato sequestrato un etto di esplosivo ad alto potenziale. Ma la caccia all’uomo aveva “blindato” l’intera Germania...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi