closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Presidenziali, verso un’astensione record

Francia. Il campo di rifugiati di Grande-Synthe brucia, ma la questione dei migranti è solo sfiorata dai candidati, per timore di alimentare il voto al Fronte nazionale. Ultimo sondaggio: solo il 66% è deciso a votare, Mélenchon al terzo posto, supera Fillon

Francia, a fuoco il campo migranti a Grande-Synthe

Francia, a fuoco il campo migranti a Grande-Synthe

L’incendio che nella notte tra lunedì e martedì ha devastato il campo di Grande-Synthe, non lontano da Calais, costruito nel dicembre 2015 da Médecins sans frontières, l’unico in Francia a rispettare le norme internazionali per l’accoglienza dei migranti, ha riportato in primo piano una questione che i principali candidati alle presidenziali hanno cercato di evitare, per non dare spazio ai discorsi xenofobi di Marine Le Pen. L’incendio ha fatto seguito a una rissa, scoppiata tra migranti di diversa origine: qui, era considerato il «campo dei curdi», ma dopo la distruzione di Calais, gli afghani sono arrivati numerosi e la convivenza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi