closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Presidenziali in Portogallo, vince chi arriva secondo

Voto e pandemia. Rebelo de Sousa verso il bis, dietro è sfida socialisti-destra populista. Più del tasso di astensione spaventa quello dei contagi, «il più alto al mondo». Il capo dello stato è eletto dai cittadini, ma resta come in Italia un arbitro supremo della politica. La sua rielezione non significa il recupero del centro-destra né la sconfitta del governo

Un rassicurante invito a votare per le presidenziali di oggi in una stazione della metro di Lisbona

Un rassicurante invito a votare per le presidenziali di oggi in una stazione della metro di Lisbona

Dati della Johns Hopkins University mostrano come il Portogallo sia oggi il paese con il più alto tasso di contagio al mondo, con un totale di 600 mila contagiati e quasi 10 mila morti. Per settimane la questione del confinamento è stata posposta quasi che non esistesse un problema, fino a che, qualche giorno fa, il primo ministro António Costa ha dovuto richiudere in casa i suoi concittadini come era stato fatto la scorsa primavera. Nonostante tutto però si è deciso di non spostare la data delle elezioni presidenziali e, anche se il contesto non lo permetterebbe, oggi si voterà...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi