closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Potere popolare e «Stato comunale». Il chavismo cerca la propria origine

Venezuela. Si è chiuso domenica l’incontro sulla democrazia bolivariana del «Movimento comunero»

«Comuna o nada», era stata la parola d'ordine di Hugo Chávez durante la famosa riunione del Consiglio dei ministri del 20 ottobre del 2012, quella del golpe de timón, dell'energico richiamo a un cambiamento di rotta. QUEL GIORNO, rivolgendosi al suo vice Maduro, Chávez si era raccomandato: «Nicolás, ti affido questo come ti affiderei la vita: le comuni, lo stato sociale di diritto e di giustizia». Considerate la base territoriale del socialismo del XXI secolo, le comuni sono una delle più rivoluzionarie proposte chaviste di cambiamento «dal basso», per coniugare la dimensione politica del «potere popolare» con quella economica della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.