closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Poste verso la Borsa. Uil: “Sia una public company”

Privatizzazioni. Volano gli utili e il governo mette sul mercato il 40% della società: la quotazione in autunno. Il sindacato preoccupato per il destino dei lavoratori e l'efficienza del servizio universale

Il governo procede spedito verso la privatizzazione delle Poste, tra le preoccupazioni dei sindacati - che chiedono garanzie per i lavoratori - e quelle dei consumatori, che di recente hanno visto ridursi i servizi universali di corrispondenza con la decisione di procedere, in alcune zone, al recapito a giorni alterni. Ieri il cda e poi l’assemblea hanno approvato la domanda di ammissione alla quotazione alla Borsa Italiana, varando nel contempo il nuovo statuto che entrerà in vigore con la quotazione. Intanto Poste ha raddoppiato gli utili nel primo semestre: risultati «molto positivi», ha commentato il premier Renzi. L’utile del semestre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.