closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Porte aperte alla Fiom

Fiat. Svolta inattesa di Marchionne, che decide di dar seguito alla sentenza della Consulta: «Riconosciamo i delegati Cgil». Ma non manca il solito «aut aut»: «Senza una nuova legge, investimenti a rischio». Landini soddisfatto: «Rientriamo dalla porta principale, ma ora l’azienda ci riconosca tutte le agibilità». Convergenza con la Fim Cisl sul futuro: «Il Lingotto non lasci l’Italia»

L'ad della Fiat Sergio Marchionne

L'ad della Fiat Sergio Marchionne

La dichiarazione è «storica», ma certo di per sé non risolve i problemi industriali della Fiat, il nodo fondamentale della sua presenza (e soprattutto permanenza) in italia. Ma il fatto c’è. Il gruppo guidato da Sergio Marchionne ha comunicato ieri alla Fiom che (citiamo dalla nota aziendale) «accetterà la nomina dei suoi rappresentanti sindacali aziendali a seguito della sentenza della Corte Costituzionale del 23 luglio scorso». L’alta corte è sempre l’alta corte, e insomma aveva posto sulla diatriba, in qualche modo, una ultima parola. Ovvero che anche un’organizzazione che non è firmataria di contratto può e deve poter esercitare i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.