closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Pontormo: dare figura ai pensieri

Divano . La rubrica settimanale a cura di Alberto Olivetti

Nel 1523 a Firenze si diffonde la peste. Il Pontormo (Iacopo Carucci, 1494-1556) non ancora trentenne, ma assai reputato come eccellente pittore, riceve l’incarico di illustrare con un ciclo di affreschi dedicato alle Storie della Passione di Cristo il chiostro della Certosa del Galluzzo, che si trova poco lontano dalla città. Un incarico accettato di buon grado e che attrae Pontormo. Egli si sente pronto e fortemente motivato a nuove ricerche dedicandosi ad una impresa che, oltre tutto, può svolgere in un luogo appartato ove il contagio meno forse infierisce, e secondo tempi quotidiani stabiliti nel rispetto della regola certosina...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi