closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Polunin all’inferno e ritorno

Danza. Al Ravenna Festival la nuova creazione del coreografo e danzatore ucraino che si confronta con il sommo poeta in Dante Metànoia

Sergei Polunin

Sergei Polunin

Una selva in 3D dai toni freddi e bluastri è la visione d'apertura di Dante Metànoia di e con Sergei Polunin, produzione tripartita commissionata alla star di origine ucraina da Ravenna Festival prima della pandemia. Progetto corposo, sviluppato a tappe in questi tempi difficili, ha debuttato in prima assoluta al teatro Dante Alighieri di Ravenna. In scena fino a domenica, fa parte della Trilogia d'Autunno del Festival. Un viaggio complicato, un coreografo a cantica nel confronto non privo di spine con Dante, Ross Freddie Ray per l'Inferno, Polunin stesso per il tormentato Purgatorio, Jiří Bubenícek per la visione estatica eppur dolente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.