closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Polifonia di un inganno con corredo di amorosi sensi

Romanzi. Sulla scena di uno scambio di ragazze allestito ai danni di un povero venditore di boza, avanzano i personaggi dell'ultimo libro di Orhan Pamuk, "La stranezza che ho nella testa", un intreccio dialogico, fatto di voci che parlano in prima persona

Da sempre alla ricerca di un equilibrio tra l’ingenuo e il sentimentale, Orhan Pamuk oscilla tra le romantiche tentazioni di quella scrittura che Schiller fa discendere direttamente dal dettato della natura, e le moderne angosce derivate dalla consapevolezza dello scarto che separa i propri mezzi espressivi da ciò che si aspira a rappresentare. Ma, per la verità, l’indole dello scrittore turco sembra sbilanciarlo ancora, e forse felicemente, verso una spontanea e appagata fusionalità di paesaggi mentali e romanzeschi, dove trionfano i sentimenti e arretra l’intelletto. Proprio questo stato della mente, questa nostalgica inclinazione, questa evocatività mai sazia di echi del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi