closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Poche differenze con il piano di Conte. La novità: riforma fiscale già da luglio

Il Pnrr. Nel testo definitivo stesse missioni e stessa ripartizione di risorse. Tagli e ambiguità sulle energie rinnovabili: tolti 2,8 miliardi rispetto all’ultima bozza

Il testo cartaceo del Piano nazionale di ripresa e resilienza

Il testo cartaceo del Piano nazionale di ripresa e resilienza

Sarà anche cambiato nella forma, ma nella sostanza il Recovery plan di Draghi è in gran parte uguale a quello di Conte. La versione definitiva consegnata alle camere del Piano nazionale di ripresa e resilienza consta ora di 273 pagine. Le due trattative portate a termine in parallelo con la commissione europea da una parte e con i partiti della maggioranza dall’altra hanno portato aggiustamenti limitati, seppur considerevoli. Analizzando la suddivisione delle risorse dei 191,5 miliardi - di cui 68,9 sono sovvenzioni; 53,5 sono prestiti per nuovi progetti e 69,1 sono prestiti per progetti già esistenti - si notano pochi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi