closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Più realista del re, Di Maio resta in Afghanistan

Italia-Usa. Il ministro degli Esteri italiano si allinea alla posizione degli Stati uniti prima ancora di conoscerla. «Ce ne andremo da Kabul, il problema è solo quando ce ne andremo»

Il presidente afghano Ashraf Ghani, al centro, con la delegazione del segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin, al palazzo presidenziale di Kabul

Il presidente afghano Ashraf Ghani, al centro, con la delegazione del segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin, al palazzo presidenziale di Kabul

Biden vuole fare le valigie e lasciare l’Afghanistan, anche se con qualche mese di ritardo sul previsto. Di Maio, ignaro del contesto e delle scelte Usa, si dice pronto a un ulteriore impegno. Sono i rischi di chi è più realista del re. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si allinea infatti alla posizione degli Stati uniti prima ancora di conoscerla. Mercoledì, nella seconda giornata di incontro dei ministri degli Esteri nella sede generale della Nato a Bruxelles, Di Maio ha «confermato l’impegno dell’Italia in Afghanistan». Peccato che neanche l’amministrazione Biden sappia cosa intenda fare nel Paese. Biden ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi