closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Più poveri e senza diritti, le macerie del lavoro in Iraq

#mediorientexpress. Sindacati troppo deboli, l’unica è scioperare. Ma chi lo fa viene accusato di terrorismo. I bambini sfruttati sono la norma. E la pandemia produce altri due milioni di disoccupati

Basta andare ad al-Nidhal street per vedere i bambini lavorare. Fanno i meccanici, lavano le auto, vendono chincaglierie per le strade del centro di Baghdad, non nei sobborghi o nelle "città nella città", come Sadr City, due milioni di abitanti stimati. Eppure è lontano il tempo della fondazione di quartieri come quello, i quartieri destinati ai poveri. NEL 1959, QUANDO NACQUE, non si chiamava nemmeno così: era al-Thawra City (rivoluzione, a memoria di quella dell’anno prima), vent’anni dopo Saddam Hussein fece costruire case popolari e prese il nome del raìs. Sadr City è venuto dopo l’invasione americana del 2003 e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.