closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Piste chiuse, Conte cerca l’intesa con l’Ue. Ma l’Austria dice no

Emergenza Covid. Il premier chiama Von der Leyen, ma l’intesa è ancora lontana Ieri 853 vittime. Speranza: a Natale evitare gli spostamenti

Un reparto Covid al policlinico di Tor Vergata a Roma

Un reparto Covid al policlinico di Tor Vergata a Roma

Se Giuseppe Conte era stato esplicito nel dire no al Natale sulla neve, ieri i super esperti del governo che guidano la lotta al Covid lo sono stati ancora di più. Franco Locatelli, presidente del consiglio superiore di sanità, ha detto che le vacanze sugli sci «sono incompatibili con la situazione dell’epidemia». E Gianni Rezza (direttore della Prevenzione al ministero della Salute) ha spiegato che «solo il prossimo inverno, dopo la campagna dei vaccini anti-Covid, potremo pensare di sciare in tranquillità». IL CONCETTO NON È STATO esplicitato ma è chiaro: questa stagione invernale non partirà neppure a gennaio o febbraio....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi