closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Pista «wagneriana» per i tre giornalisti russi uccisi in Repubblica Centroafricana

Russia/Centroafrica. Agguato in Repubblica centroafricana: convince poco la tesi del Cremlino sulla «rapina». Focus sui foreign fighters di Mosca in Africa (e Siria) per difendere i propri interessi

Sono migliaia le morti per omicidio - grazie alle armi vendute dalle grandi potenze - negli ultimi anni nella Repubblica Centroafricana

Sono migliaia le morti per omicidio - grazie alle armi vendute dalle grandi potenze - negli ultimi anni nella Repubblica Centroafricana

Trenta luglio, imbrunire. Due giornalisti investigativi russi, Alexander Rastorguyev e Orkhan Dzhemal e il loro cameraman Kirill Radchenko, stanno attraversando dei villaggi a 20 chilometri da Sibut città distrettuale della Repubblica Centroafricana. Un’imboscata li sorprende: i 3 vengono massacrati sulla loro jeep da un commando di 10 persone. LE TELECAMERE E I SOLDI dei giornalisti vengono rubati ma il loro accompagnatore locale «Martin» resta illeso. I tre giornalisti erano nella Repubblica Centroafricana da qualche tempo per realizzare un reportage sul «Gruppo Wagner», una struttura di foreign fighter russa. I «wagneriani» erano assurti alle cronache della stampa in febbraio quando venne...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.