closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Piranesi, la città del domani come un ufo

Giovanni Battista Piranesi, un bilancio del tricentenario. Le varie mostre organizzate lasciano interessanti spunti per tornare a ragionare sul rapporto dell’incisore veneziano con l’architettura: rapporto 'totale' che fu anche dannazione...

Giovan Battista Piranesi,

Giovan Battista Piranesi, "Veduta del Mausoleo di Elio Adriano", acquaforte, in "Vedute di Roma", I, Roma 1748-1778, Milano, Biblioteca Nazionale Braidense

I trecento anni dalla nascita di Giovan Battista Piranesi sono stati ricordati con una serie di mostre (Bassano del Grappa; Milano, Braidense; Perugia; Venezia, Fondazione Cini; Roma, Istituto centrale per la grafica) ricche di un corpus completo di opere, spesso provenienti da collezioni non frequentate (Biblioteca della Scuola Militare Teulié). Un mondo di immagini e forme zampillate da una fantasia miracolosa, moltiplicate in più di mille lastre e altrettanti disegni frutto di una mente che si è affrancata dalle luminosità del Tiepolo, dalle parallele dei cieli di Canaletto e da tutte le influenze. Molti concorsero alla sua formazione, ma troppo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi