closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

«Piñera, stai Sereni»

Nella repressione delle proteste popolari in Cile contro le politiche neoliberiste dettate dall’agenda del presidente Piñera sono rimaste uccise 23 persone, oltre 2300 sono state quelle ferite (1400 per colpi di arma da fuoco), 93 sono le vittime di violenza sessuale, 220 hanno perso la vista o subito gravi traumi agli occhi, ben 26mila sono detenute. E sui muri di Santiago del Cile, sulle case, sui negozi, sui palazzi governativi, perfino su chiese e musei campeggiano le scritte: «Piñera vattene», «Piñera assassino, dittatore, tiranno, tirannosauro», «Il Cile si è svegliato», «Non abbiamo paura», «Rivoluzione popolare»; «Lo Stato uccide»... Eppure la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.