closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Editoriale

Piazzate preventive

È una curiosa coincidenza che, nel giorno in cui il ministro dell’Interno Angelino Alfano annuncia dalle colonne del Messaggero un «piano sicurezza» che promette di ripulire Roma da ambulanti, abusivi e manifestanti, un editoriale del Corriere della Sera proponga il divieto preventivo delle proteste che non diano garanzie di essere «pacifiche e senza armi». Si tratta di una proposta che avrebbe un che di inquietante se a sostenerla non fosse un giornale che si ritiene liberale, al pari del suo estensore.

Il pretesto è quanto accaduto nella manifestazione contro l’austerity del 12 aprile: la guerriglia urbana e soprattutto il coro di accuse alle forze dell’ordine, ancora una volta incastrate dalla prova televisiva come un calciatore scorretto qualsiasi. Ma l’obiettivo è il prossimo corteo, indetto per il 17 maggio, a una settimana dalle elezioni europee. Che fare, dunque? Rendere identificabili gli agenti come nel resto d’Europa, in modo da dissuadere teste calde e mele marce da gesti non previsti da nessun regolamento? Incalzare una politica assente a dare qualche risposta concreta al malcontento sociale che, inutile far finta di niente, si fa sempre più fatica a contenere e nascondere? Al contrario, per il quotidiano di via Solferino «non c’è eccesso di reazione delle forze di polizia che non sia una reazione. Dobbiamo dunque impedire in primo luogo l’azione», anche perché, è il secondo argomento a sostegno del divieto, non si può manifestare illegalmente in difesa dell’illegalità, per giunta.

La piazza del 12 aprile, a chi l’ha osservata da vicino, ha impressionato per motivi opposti rispetto a quelli che inquietano l’editorialista del Corsera Antonio Polito. Per la sua composizione sociale, innanzitutto: immigrati come il quarantacinquenne peruviano che si è fatto saltare una mano con un petardo, giovani cui il nostro Paese non è in grado di promettere alcunché e condannati ad arrangiarsi o a emigrare. Molti di loro provenivano da case occupate e urlavano slogan contro un articolo della legge Lupi che, per Polito, «statuisce l’ovvio», vale a dire che gli occupanti non possono allacciarsi ad acqua e corrente elettrica.

Viene da chiedersi in che Paese immaginano di vivere, alcuni autorevoli commentatori, e come facciano a non rendersi conto che oggi, in Italia, per migliaia di persone occupare un edificio abbandonato rappresenta l’unica alternativa alla strada e che nessuna legge statuisce un’altra ovvietà: che tutti avrebbero diritto di non avere per riparo la luna. Siamo sicuri che chiedere di proibire preventivamente le manifestazioni, a partire da quella del 17 maggio, non sia miope, ancor prima che dispotico?


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna