closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Piattaforme avvisate, Alibaba multata dall’antitrust cinese

Cina . Tre miliardi di dollari circa per «abuso di posizione dominante». L’azienda di Jack Ma era nel mirino del Pcc dal dicembre 2020

Il fondatore di Alibaba, Jack Ma

Il fondatore di Alibaba, Jack Ma

Troppo ricche, troppo potenti, troppo pericolose: da tempo il partito comunista cinese ha preso di mira le piattaforme, in particolare Alibaba. L’azienda di Jack Ma era già stata avvisata mesi fa, quando la quotazione (record) a Hong Kong di Ant Financial era stata bloccata. A dicembre era partita poi l’indagine, il cui esito è arrivato ieri: a causa dell’abuso della sua posizione dominante (in pratica Alibaba impedirebbe ai venditori di utilizzare anche altre piattaforme) l’organo regolatore cinese ha inflitto all’azienda una multa di circa tre miliardi di euro, corrispondente al 4% degli incassi registrati nel 2019. Si tratta di una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi