closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Péter Szondi, una difesa del tragico nella lingua dei carnefici

Lettere inedite. L’ebreo ungherese Péter Szondi, che la «Teoria del dramma moderno» aveva consacrato come critico tra i più originali, si batte per riportare alla coscienza tedesca ciò che anche i suoi esponenti più lungimiranti, tra i quali il direttore della Suhrkamp Sigfried Unseld, si ostinano a ignorare

vaso Scheurich Floor

vaso Scheurich Floor

Peter Szondi a Siegfried Unseld, Zurigo, Suhrkamp Verlag, 10 settembre 1960 Caro signor Unseld, (…) Alla sua insistita critica secondo cui il lavoro è troppo impersonale sfugge, secondo me, che io non sono un filosofo e che non è mio compito, e forse neanche mio diritto, offrire una mia concezione del tragico in questo mondo. Il mio tema è la filosofia del tragico e la poesia tragica. Lei ha forse nutrito questa speranza in ragione del titolo Il tragico, ma fraintende il mio scopo se crede che io abbia una pretesa del genere (e con esso – si j’ose dire...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.