closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Peso argentino ko, Macri ci riprova col Fondo monetario internazionale

Il governo di Buenos Aires vola a Washington per chiedere aiuto, maxi prestito in vista. È una vecchia storia. E nel 2001 finì male. In un messaggio tv accuse alle politiche dei governi Kirchner, ma persino le stime della World Bank raccontano altro

Il peso perde rapidamente valore rispetto al dollaro, autunno caldo a Buenos Aires

Il peso perde rapidamente valore rispetto al dollaro, autunno caldo a Buenos Aires

In Argentina, di fronte al crollo della moneta locale, il governo di Mauricio Macri corre a Washington a chiedere aiuti al Fondo monetario internazionale (Fmi). È una vecchia storia quella della svalutazione del peso nei confronti del dollaro. Nelle ultime settimane la moneta ha continuato a perdere valore passando in pochi giorni da una quotazione di 20,5 pesos a oltre 23, ma solo un anno fa un dollaro era scambiato a 15 pesos. A NULLA SONO SERVITI gli ingenti interventi della Banca Centrale, che ha bruciato 5 miliardi di dollari per evitare il crollo, neanche l’aumento dei tassi d’interesse che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.