closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Percorso ancora lungo e con molti ostacoli

Next Generation Ue. La tappa di ieri è importante, fa seguito all’adozione del budget pluriennale 2021-2027 di 1074 miliardi e alla decisione che permette alla Commissione di indebitarsi

L’Europarlamento ha approvato ieri l’ultimo tassello per il funzionamento del pilastro centrale del Recovery Fund, i 672,5 miliardi della Recovery and Resilience Facility. Sono passati sette mesi dal varo del Next generation Eu, al Consiglio europeo dello scorso luglio. La tappa di ieri è importante, fa seguito all’adozione del budget pluriennale 2021-2027 di 1074 miliardi e alla decisione che permette alla Commissione di indebitarsi, ma ha poca influenza sui tempi per la messa in atto del piano di rilancio di 750 miliardi, che si stanno allungando pericolosamente. Ormai si parla al meglio di «fine estate». Molti ostacoli devono ancora essere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi