closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Percorso a ostacoli sui tre quesiti

l discorso di Gentiloni e la scelta dei sottosegretari testimoniano un governo fotocopia nei pensieri, nelle parole e nelle opere. È la prova ultima che si vuole ridurre il referendum del 4 dicembre a un incidente di percorso, che non richiede sostanziali correzioni di rotta. Gentiloni ci dice che non si occuperà della legge elettorale, ma tenterà di arginare i referendum Cgil, modificando in parte i voucher per evitarne l’abuso, e resistendo invece sull’art. 18, perché il Jobs Act rimane una legge buona, anzi ottima. Questo è il nucleo politicamente significativo del discorso. Partiamo dai voucher, il cui quesito non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi