closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Perché Julia Timoshenko non è un «santino»

Ucraina. Timoshenko: le origini affaristico malavitose, il suo controllo del mercato del gas garantito dai vari potentati e oligarchie succedutesi al crollo del socialismo reale nella devastata Ucraina degli anni Novanta

Nelle dure proteste anti-Yanukovich di questo mese a Kiev sono tornate in piazza le icone di Julija Timoshenko e la sua «liberazione» è diventata, non senza distinguo tra i leader della piazza - parte del programma dell’opposizione; mentre a livello internazionale l’indignazione per la sua carcerazione è pari a quella per un dissidente dell’Est pre-’89. Nessuno però sa, ricorda, o vuole ricordare, come e perché sia stata condannata la leader politica ucraina, a capo del partito dell’opposizione Bat’kivscina (Patria), divenuta nel 2004 simbolo della Rivoluzione arancione e per due volte primo ministro, da febbraio a dicembre 2005 e poi dal...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.