closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Perché Jason Miller non sarà più portavoce di Trump

La Casa sbianca. Dietro lo scandalo sessuale per una relazione extraconiugale, c’è il ruolo non solo del giornale nemico «New York Daily News» ma del quotidiano amico «New York Post»

Jason Miller, il principale portavoce di Trump, ha annunciato che non diverrá il direttore delle comunicazioni della Casa Bianca come aveva pubblicamente accettato solo due giorni prima, ufficialmente per occuparsi della famiglia, ma si parla di uno scandalo sessuale extraconiugale. LA VERSIONE UFFICIALE di Miller parla di una dimissione dettata dall’obbligo morale ad adempiere ai propri doveri familiari. Sua moglie, infatti è incinta e a gennaio dará alla luce la loro secondogenita, perciò Jason Miller si ritira e Sean Spicer lo sostituirá. Diversa la versione pubblicata da Politico, che cita fonti anonime, per le quali A.J. Delgado, una collega junior...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.