closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Perché è urgente che Biden chiuda Guantánamo

Stati uniti. Il nuovo presidente democratico non ripeta l’errore di Obama. La prigione americana a Cuba è il «simbolo di illegalità e di abusi dei diritti umani», i valori che gli Usa dicono di difendere. Ora poi c’è il ritiro dall’Afghanistan

Protesta per la chiusura di Guantanamo a Washington nel 2013

Protesta per la chiusura di Guantanamo a Washington nel 2013

Musica da spaccare i timpani, incappucciamenti, «waterboarding», cani feroci sguinzagliati, privazione del sonno, isolamento, umiliazioni e violenze sessuali. Il saudita Mustafa al-Hawsawi, 51 anni, accusato di aver partecipato al piano d’attacco alle Torri gemelle, da anni non riesce a stare seduto per i dolori inenarrabili al retto, in seguito alle brutali e ripetute violenze di sodomia subite nella detenzione ormai quasi ventennale nei siti della Cia e a Guantánamo. Mustafa mangia il meno possibile e spesso digiuna: per evitare i conseguenti terribili dolori. Il palestinese Abu Zubaydah, detenuto dopo essere stato rapito dalla Cia e rinchiuso in una cella grade...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi