closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Per ripensare la sinistra più politica che politiche

Riflessione collettiva. Non è sufficiente invocare una cultura politica di sinistra. E’ il punto di arrivo, non di partenza. Dobbiamo chiederci come nasce una domanda di sinistra nel quotidiano

Un’opera di Idelle Weber

Un’opera di Idelle Weber

La lettura del documento “Governare la società del dopo Covid”, a cura del network “Ripensare la cultura politica della sinistra”, è salutare. Una riflessione collettiva sui temi analizzati potrebbe rappresentare un buon punto di partenza per la costruzione di una piattaforma di sinistra. Le proposte sono di alto profilo e all’altezza dei tempi. Stato, diseguaglianza/e, ricomposizione sociale, accumulazione e capitalismo, mobilitazione sociale: grandi questioni di sfondo, ricomposte in un quadro organico. Più politica che politiche, più coordinate di sfondo che proposte operative (pur non del tutto assenti), ma con una trama unificante. La diagnosi di partenza è quella del deficit...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi