closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Per la prima volta i popoli originari potranno scrivere la Costituzione cilena

Cile. La novità dei seggi riservati ai popoli indigeni non ha avuto la meglio, tuttavia, sulla loro diffidenza nei confronti delle istituzioni: è stato infatti meno del 23% degli iscritti al registro elettorale indigeno a prendere parte alle elezioni

Per la prima volta nella storia del Cile saranno anche rappresentanti dei popoli originari a scrivere una Costituzione. E sono figure di grande rilievo, a partire dalla machi Francisca Linconao, la più votata, con circa 14mila voti, alle elezioni del 15 e 16 maggio per i 17 seggi riservati ai popoli indigeni nella Convenzione costituente: mapuche, aymara, kawésquar, rapanui, yagán, quechua, atacameño, diaguita, colla e chango. Diventata famosa per aver vinto nel 2009 la causa contro la Sociedad Palermo Limitada, responsabile dell'abbattimento illegale di alberi nei pressi della sua comunità - la sentenza a suo favore è stato il primo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi