closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Per i poveri una social card insufficiente e vincolante

Workfare. Dal 2 settembre le famiglie numerose potranno chiedere la «carta Sia»: 320 euro mensili. Ripresentato il "Sostegno per l'inclusione attiva" del governo Letta, un mix di assistenzialismo e neoliberismo che dovrebbe raggiungere circa 1 milione di persone. In Italia i poveri assoluti sono 4,6 milioni, quelli "relativi" 8,3. Stanziati 1,6 miliardi: per la stessa misura in Francia si spendono 10 miliardi all'anno

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti

Dal prossimo due settembre le famiglie in povertà assoluta (con Isee non superiore ai 3 mila euro) potranno (ri)presentare domanda per ottenere il «Sostegno per l’inclusione attiva» (Sia). I nuclei che ne avranno diritto percepiranno 320 euro (80 euro per componente). Il sostegno può arrivare fino a 400 euro nei casi di famiglie numerose fino a 5 componenti. Il governo intende raggiungere con questa misura tra 800 mila e un milione di persone, pari a 180-220 mila famiglie. Il decreto ministeriale pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 luglio ha stabilito l'estensione su tutto il territorio nazionale del «Sia», un sussidio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.