closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Per Hollande è Libia-bis

Francia. Torna l’ombra dell’attacco Nato 2011 guidato da Sarkozy. Intanto Erdogan chiede più poteri contro le sanzioni russe e caccia il direttore del quotidiano «Zaman»

Il presidente francese Hollande

Il presidente francese Hollande

Nonostante l’incontro tra il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, e il suo omologo turco, Mevlut Cavusoglu, ai margini di una conferenza in materia di economia in corso a Belgrado (bollato dai russi come «nulla di nuovo»), non sembra davvero vicina neppure la distensione tra Mosca e Ankara dopo l’abbattimento del bombardiere russo Sukhoi Su-24 al confine tra Turchia e Siria. Nonostante Mosca abbia imposto sanzioni economiche, pari a 5 miliardi di euro, con un decreto per la sicurezza nazionale e abbia bloccato il progetto Turkish Stream, le autorità turche hanno deciso di non imporre restrizioni reciproche ai viaggiatori russi....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi