closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ogni giorno a Gaza il prezzo della guerra

Tregua Promessa. La campagna israeliana di bombardamenti aerei ha aggravato i problemi strutturali della Striscia. La ricostruzione già incontra i primi veti

«Abbiamo in linea Yasser. Buongiorno, da dove ci chiami?». «Da Beit Hanoun, manca l’acqua in molte delle case della mia zona. Dateci una mano, non sappiamo a chi rivolgerci». «Ci proviamo Yasser, abbiamo preso nota della tua situazione. Il prossimo è Nabil, buongiorno cosa vuoi segnalarci?...». Va avanti così su Shaab Radio, dal 21 maggio, dall’inizio del cessate il fuoco tra Hamas e Israele. Mohammed al Awni, nel suo programma «Ogni giorno a Gaza» cerca di dare voce a chi segnala situazioni di emergenza e servizi essenziali interrotti a causa dei raid aerei israeliani. «Spesso ci limitiamo a scambiare qualche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi