closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Per Bennett le violenze dei coloni israeliani sono «insignificanti»

Territori palestinesi occupati. Il premier israeliano ha reagito con rabbia alle dichiarazioni del ministro Bar-Lev che ha assicurato azioni per contenere le aggressioni dei settler a danno dei civili palestinesi. E ora programma la costruzione di nuove colonie nel Golan

Premier di Israele e, più di tutto, leader dei coloni. Naftali Bennett ieri è andato su tutte le furie perché il ministro della pubblica sicurezza Omer Bar-Lev lunedì si era permesso di criticare la violenza dei coloni in Cisgiordania e di assicurare al sottosegretario di Stato Usa per gli affari politici, Victoria Nuland, che Israele prenderà provvedimenti per contenere il «fenomeno». Israele, ha proclamato Bar-Lev, «combatterà il terrorismo palestinese come se non ci fosse la violenza dei coloni estremisti e la violenza dei coloni estremisti come se non ci fosse il terrorismo palestinese». Per Bennett invece le violenze dei coloni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.