closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Peppino, un cronista antimafia

Mafia . Mattarella: «C’è un legame che unisce ogni violenza criminale contro la convivenza civile»

«Il corpo di Moro veniva ritrovato nella Renault rossa in via Caetani il nove maggio di quarant’anni fa. Lo stesso giorno la mafia uccideva Peppino Impastato. C’è un legame che unisce ogni violenza criminale contro la convivenza civile». Nel ricordare ieri al Quirinale le vittime del terrorismo, il presidente Mattarella accomuna lo statista democristiano al giovane giornalista siciliano ucciso per il suo impegno quotidiano contro la mafia. Il 9 maggio del 1978 non segnò infatti solo la fine tragica dei 55 giorni del sequestro da parte delle Br di Aldo Moro, ma anche l’uccisione di un giovane che da Cinisi,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi