closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

«Pensione di garanzia, Draghi si corregga e ascolti i sindacati»

Intervista al Professore della Sapienza. Intervista a Michele Raitano che lanciò la proposta già nel 2011: «Il sistema contributivo prevede flessibilità in uscita, la Fornero è troppo rigida. Previdenza integrativa inutilizzabile da chi non ha un posto stabile. Con una penalizzazione del 3% sulla parte retributiva, si potrebbe andare a 64 anni con assegno tagliato solo del 5%»

Una protesta di lavoratori precari

Una protesta di lavoratori precari

Michele Raitano, professore di Politica economia alla Sapienza di Roma, lei nell’ormai lontano 2011 lanciò la proposta di pensione contributiva di garanzia per precari e giovani. Ora, oltre a essere nella piattaforma dei sindacati, ne parlano anche Boeri e De Bortoli. Sarà la volta buona? Pur nel dramma sociale legato al fatto che i problemi prospettivi degli attuali lavoratori sono stati senz’altro aggravati dalla pandemia, la cosa positiva oggi è la consapevolezza che molti commentatori e politici hanno del fatto che molti lavoratori, se le loro carriere non dovessero evolvere positivamente, nonostante carriere lunghe rischiano di avere pensioni di importo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.