closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Pellegrin, la testimonianza senza compromessi

Intervista. Un incontro con il fotoreporter, membro della Magnum. I suoi scatti sono in mostra a Milano, presso il museo diocesano Carlo Maria Martini, per celebrare i settant'anni della celebre agenzia

Iraq, 2016

Iraq, 2016

Nei suoi scatti si coglie l’intensità della partecipazione collettiva, un atto di fede che è anche condivisione: il rito dell’esposizione del morto (con l’esorcizzazione della morte stessa), la veglia, il pianto, la disperazione e la consolazione. Paolo Pellegrin (Roma 1964, vive a Ginevra) è a San Pietro nell’aprile 2005, durante i funerali di papa Giovanni Paolo II: l’apice della tensione emotiva viene raggiunta quando la massa diventa il singolo volto del fedele. La morte è un momento pubblico, esattamente come lo è - con tutto il dramma del prima e del dopo - la vita, la salvezza di quei migranti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.