closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Pd, il voto compatta su Martina. Renzi: ma non rinuncio a parlare

Democrack. L’ex leader: Paolo candidato, non corro alle primarie ma non sto zitto per un accordo di nascosto con M5S. In Leu malumori sull’ipotesi di ritorno all’alleanza con Gentiloni, oggi la riunione

Renzi, Gentiloni e Martina

Renzi, Gentiloni e Martina

Il Pd celebrerà la sua assemblea nazionale il 19 maggio. Dove, se il voto sarà vicino, eleggerà segretario l’attuale reggente Maurizio Martina. Al Nazareno il miracolo dell’unanimità l’ha fatto la paura del voto. E infatti non è detto che se nelle prossime ore prendesse quota l’ipotesi di un governo Lega-M5S, ieri improvvisamente tornata in pista, i giochi fatti nell’ennesimo caminetto Pd non vengano immediatamente disfatti. E ricomincino le liti. PER ORA LA «PAX» è stata siglata: ieri il presidente Matteo Orfini ha ufficializzato la data dell’assemblea che deciderà se aprire un congresso o eleggere subito un segretario saltando le primarie....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi