closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Pd, c’è il caso Mineo. Ma si litiga anche sul corteo Cgil

Democrack. Cominciano ad arrivare le adesioni degli esponenti della sinistra al corteo del 25 ottobre contro il Jobs act. E fra i renziani c’è chi invoca il pugno duro

«Io sono uscito dall’aula, non ho votato la fiducia. Quando mi hanno candidato nel programma non c’era l’idea di dare ragione a Sacconi nella sua crociata contro l’art. 18. Ma Renzi ha vinto. La nostra battaglia per il momento si è conclusa con una sconfitta. Cercavo il modo migliore di dire al mio premier che di forzatura in forzatura si lasciano troppi cadaveri per terra». Di buon mattino ad Agorà (Raitre) il senatore dissidente Corradino Mineo è un fiume in piena. Parla dei cadaveri che lo scontro sul Jobs act lascia nel Pd. Parla di sé, politicamente parlando. In realtà...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.