closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Paul Vecchiali, il piacere dell’indipendenza per inventare tante vite diverse

Intervista. Il suo nuovo film, «Un soupçon d’amour», è un melò di misteri omaggio a Sirk. Conversazione col regista

A più di novant’anni, Paul Vecchiali ha vissuto così tante vite che si potrebbe dire di lui quel che Michel Foucault scrisse di sé: «Non sono dove mi cercate, ma qui da dove vi guardo ridendo». Regista sì, ma anche scrittore, autore di un’enciclopedia sul cinema francese anni ’30, montatore, attore, docente e critico per un periodo ai «Cahiers». È lui che all’inizio degli anni ’60 dà a Jean Eustache la pellicola per i suoi primi esperimenti e gli produce Les mauvaises fréquentations e Le père Noël a les yeux bleus. A fine anni ’70 avvia quell’esperienza seminale d’arte e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.