closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Patrick resta in cella, al-Sisi si gode Parigi: il regime non arretra

Egitto. Altri 45 giorni di detenzione cautelare per lo studente Zaki in un’udienza-farsa, mentre all’Eliseo il presidente firma nuovi accordi. Non è ancora chiuso il caso dell’ong Eipr: congelati tutti i beni dei tre dirigenti rilasciati pochi giorni fa 

Patrick Zaki

Patrick Zaki

È stata rinnovata per altri 45 giorni la detenzione di Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna arrestato a febbraio in Egitto e incriminato con le accuse di diffusione di notizie false e incitamento alla protesta. A decidere per l’ennesima volta la proroga è stato il tribunale antiterrorismo del Cairo in un’udienza che in meno di sette ore ha esaminato i casi di 700 persone implicate nelle inchieste più disparate, come denuncia l’Iniziativa egiziana per i diritti della persona (Eipr), l’ong con la quale ha collaborato Patrick. CONTRO I PRIGIONIERI politici l’estensione arbitraria della custodia cautelare è diventata ormai una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi