closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Patricio Guzmán, la Cordillera è testimone

Intervista. Dopo il colpo di stato il regista non tornò più a vivere in Cile, ma ha dedicato tutta la sua carriera al suo Paese

Le Ande viste da Santiago sono impressionanti, compaiono all'improvviso quando si abbassa lo smog verso sera e superano con il loro color viola in altezza i grattacieli della città, uno spettacolo abbagliante, almeno per il viaggiatore. Infatti gli abitanti di Santiago non se ne accorgono, gli voltano le spalle, dice Patricio Guzmán in La Cordillera de los sueños, non si accorgono delle montagne che li separano dal resto del mondo. Neanche Guzmán ci faceva caso quando era ragazzo («la mia generazione era impegnata a cambiare il mondo, non era interessata alle Ande, non erano rivoluzionarie»). Come in tanti altri paesi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.