closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Passione», sette corpi in rivolta nel vortice del movimento

RomaEuropa Festival. In programma lo spettacolo di Emio Greco e Pieter Scholten per il Balletto di Marsiglia

Foto di Alwin Poiana

Foto di Alwin Poiana

Un musicista, al centro della scena, al pianoforte. Sette danzatori che si rivelano nella foga del gesto, il canto, la parola. Sette necessità dichiarate a voce alta, proclami sul corpo e il movimento, il desiderio e il sentimento. E il Bach della Passione secondo Matteo e della Passacaglia in do minore, abbracciato voracemente dalla danza che si scuote su un pavimento cosparso di sabbia. Questi gli elementi di Passione, creazione di Emio Greco e Pieter C. Scholten per il Ballet National de Marseille, compagnia che i due artisti dirigono dal 2014, e terzo titolo di danza di RomaEuropa Festival 2016, andato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi