closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Pasolini, quel sapere impotente

4 novembre 1974. Il 14 novembre 1974, un anno prima di essere assassinato, pubblicava il violento editoriale in cui accusava l'establishment che comandava l'Italia di aver ordito la spirale di violenza che da piazza Fontana a piazza della Loggia insanguinava il paese

Quarant’anni e paiono quattrocento. Mentre, per converso, poche pagine precipitano tra le nostre carte con altrettanta rovente attualità. Stiamo parlando di quel violento editoriale (poi ribattezzato «Il romanzo delle stragi») che Pier Paolo Pasolini pubblicò sul Corriere della sera, il 14 novembre del 1974, un anno prima di finire massacrato sul litorale di Ostia. «Io so. Io so i nomi dei responsabili…» Fu un brutale attacco all’«establishment» che comandava l’Italia. Accusato di avere ordito «tra una messa e l’altra» la tragica spirale di violenza che da un lustro – da piazza Fontana a piazza della Loggia, all’Italicus – insanguinava il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.