closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Pasolini e gli States, seduzione senza fine

RICEZIONI. Negli ultimi anni grande e rinnovata attenzione oltre oceano per gli scritti e i film del poeta

Pasolini a New York

Pasolini a New York

«Vorrei aver diciott’anni per vivere tutta una vita quaggiù», osservò Pier Paolo Pasolini in occasione di una nota intervista concessa a Oriana Fallaci e apparsa su L’Europeo nel 1966. «L’Africa è come una droga che prendi per non ammazzarti, un’evasione. New York non è un’evasione: è un impegno, una guerra. Ti mette addosso la voglia di fare, affrontare, cambiare: ti piace come le cose che piacciono, ecco, a vent’anni. È una città di giovani, la città meno crepuscolare che abbia mai visto». Se, per Pasolini, New York era una città che «seduceva», anche l’arte pasoliniana non sembra affatto aver cessato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.