closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Partitura pop sulla morte

A teatro. In scena fino al 21 maggio la nuova scrittura in tre atti di Luca Calamaro protratmmata in paerto Ritratto d'Artista che le sta dedicando il teatro di Roma

La vita ferma

La vita ferma

Come in uno specchio rovesciato si riflette lo spettatore della Vita ferma, la nuova scrittura in tre atti di Lucia Calamaro, programmata in apertura del «Ritratto d’artista» che il Teatro di Roma le sta dedicando fino al 21 maggio, cui seguirà il riallestimento dei suoi altri due lavori, L’origine del mondo e Tumore. Del dramma della morte l’autrice e regista romana ne fa una sorta di trash sofisticato, una partitura pop costruita in sottrazione fino al trionfo del linguaggio quotidiano, ma asciugato da ogni sentimentalismo. La parodia di un ceto medio intellettuale che scimmiotta se stesso, crogiolandosi nella banalità del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.